Tardiva presentazione Modulo RW – Regime sanzionatorio

L’articolo citato analizza il caso dell’invio tardivo del modulo RW del modello UNICO 2015 (periodo di imposta 2014) da parte di un contribuente che ha aderito alla voluntary disclosure di cui all’art. 5-quater del DL 167/90.

L’Autore osserva che, in caso di applicazione dell’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del DLgs. 472/97, le sanzioni da RW previste per le attività possedute in Paesi c.d. “non collaborativi” sono quelle doppie (ossia dal 6% al 30% anziché dal 3% al 15%), indipendentemente dagli accordi già firmati sino ad oggi (il caso di Svizzera, Principato di Monaco e Liechtenstein).

L’Autore auspica quindi che venga chiarito che per i Paesi sopracitati si applichi la sanzione che va dal 3% al 15% in caso di presentazione del waiver all’Agenzia delle Entrate in sede di disclosure. Infatti, in tale circostanza, l’Amministrazione finanziaria può acquisire i dati dei contribuenti che possiedono investimenti in Paesi con l’Accordo solo firmato a partire dall’1.1.2014.

Fonti:

  • art. 13 DLgs. 18.12.1997 n. 472 (S.O. n. 4 G.U. 8.1.1998 n. 5)
  • art. 5 quater DL 28.6.1990 n. 167 (G.U. 30.6.1990 n. 151)
  • Il Quotidiano del Commercialista del 2.3.2016 – ”Sanzioni doppie in RW per le attività in Paesi “quasi” collaborativi” – de Santis E.

Lascia un commento