Svizzera: modifiche al diritto tributario cantonale e federale

Il primo Gennaio 2016 sono entrate in vigore numerose modifiche legislative al diritto tributario cantonale e al diritto tributario federale svizzeri.

Imposizione globale secondo il dispendio. Una prima modifica inerisce le condizioni per l’assoggettamento e le modalità di calcolo nell’ambito dell’imposizione globale secondo il dispendio, ossia l’imposta forfettaria a cui vengono assoggettati i cosiddetti globalisti. Dal 2016, pur restando invariato l’importo imponibile minimo richiesto di 400.000 franchi, è previsto che i nuovi globalisti saranno chiamati a versare anche un’imposta sulla sostanza pari a 5 volte l’importo del dispendio pattuito. Questa novità non trova applicazione immediata per quei globalisti già residenti in Ticino prima del primo Gennaio 2016, poiché è espressamente previsto che «il diritto antecedente continuerà ad applicarsi ancora per cinque anni a quei contribuenti che, al momento della prevista entrata in vigore della nuova normativa, beneficiavano già dell’imposizione globale secondo il dispendio.» (art. 309 LT). L’altra modifica riguarda i cittadini svizzeri che al ritorno in Svizzera dopo un’assenza di almeno 10 anni e senza esercitare attività lucrativa non potranno più richiedere di essere tassati come globalisti, nemmeno disponendo di doppio passaporto.

Spese di formazione e perfezionamento ai fini professionali. La Legge tributaria cantonale inerente le spese di formazione e perfezionamento è stata adeguata alle nuove disposizioni federali in vigore dal primo gennaio 2016. Le principali modifiche riguardano in particolare l’estensione della deducibilità fiscale generale per le persone fisiche di tutti i costi sostenuti per la formazione, la riqualificazione e il perfezionamento ai fini professionali dopo il conseguimento di un primo diploma di livello superiore, indipendentemente dalla professione esercitata (attuale o futura), nonché l’introduzione di un tetto massimo di deduzione generale fissato a 10.000 franchi a livello cantonale e a 12.000 a livello federale, ai sensi degli artt. 33 LIFD e 32 LT. E’ previsto, inoltre, che qualora due coniugi, entrambi in formazione o riqualificazione professionale, vivano in comunione domestica, l’importo della deduzione generale sarà accordato a ciascuno di loro, in quanto soggetto fiscale separato.

Ipoteca legale e istituto del deposito. Nell’ambito del calcolo del deposito per le operazioni di alienazioni di proprietà, vengono previste nuove percentuali mediamente diminuite dell’1% rispetto al passato.

Società. E’ stata riconfermata anche per l’anno 2016 e fino al 2019 la possibilità, per le società insediate in Ticino o che intendano insediarvisi, di contabilizzare ammortamenti accelerati per nuovi investimenti, ovvero di applicare un’aliquota doppia di ammortamento.

Immobili. Nell’ambito dell’imposta immobiliare cantonale, l’aliquota applicabile per le persone giuridiche estere è stata uniformata a quella valida per le persone giuridiche svizzere nella misura del 2‰. Inoltre è stata riconfermata la norma transitoria della legge tributaria che prevede un supplemento d’imposta per le aliquote dell’imposta immobiliare (art. 314 c LT). Per quanto attiene i tassi di interesse remunerativi applicati al rimborso delle somme riscosse in eccedenza nell’imposta cantonale, si rileva che questi sono stati abbassati tramite apposito decreto dall’1.5% allo 0.5%.

Istanza elettronica per il rimborso dell’imposta preventiva. A partire dal 2016 le persone giuridiche domiciliate in Svizzera hanno la possibilità di richiedere elettronicamente il rimborso dell’imposta preventiva compilando l’istanza tramite apposito modulo 25 da inviare all’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC). Per motivi di certezza del diritto, è previsto comunque che dovrà essere trasmesso in seguito ancora un foglio di firma in forma cartacea. Si ricorda che già dal 2015 le imprese possono avvalersi della possibilità di conteggiare e dichiarare autonomamente l’imposta sul valore aggiunto per via elettronica.

Fonte:

  • Fidinam News, Marzo 2016, n. 49

 

Lascia un commento