Rientro in Italia di ricercatori dall’estero – Collegamento del rientro con l’inizio dell’attività lavorativa (risposte interpello Agenzia delle Entrate 11.10.2018 nn. 32 e 33)

L’Agenzia delle Entrate, con risposta ad interpello 11.10.2018 n. 33, ha chiarito che l’attività svolta alle dipendenze di un istituto di ricerca italiano presuppone, per l’agevolazione di cui all’art. 44 del DL 78/2010, che il dipendente risulti fiscalmente residente in Italia e che sia ravvisabile un collegamento fra il rientro in Italia e l’inizio dell’attività di docenza o ricerca nel territorio dello Stato. Nel caso di specie, alla stipula del contratto di lavoro a tempo determinato a ottobre 2015 il ricercatore non ha fatto seguire l’acquisizione della residenza fiscale in Italia dal periodo d’imposta 2016 ed ha continuato a svolgere la propria attività all’estero fino a settembre 2017, ancorché con brevi intervalli in cui ha svolto l’attività in Italia. Pertanto, l’Agenzia non ha ritenuto ravvisabile un nesso tra i due eventi e , quindi, soddisfatta la vis attrattiva della norma.
Si segnala, inoltre, che nella risposta interpello 11.10.2018 n. 32 l’Agenzia delle Entrate ha ribadito le indicazioni già fornite dalla Risoluzione 51/2018 in merito al periodo ante rientro per il regime degli impatriati (art. 16 co. 2 del D.lgs. 147/2015).

Fonti e riferimenti:

  • art. 16 D.lgs. 14.9.2015 n. 147 (G.U. 22.9.2015 n. 220)
  • art. 44 DL 31.5.2010 n. 78 (S.O. n. 114 G.U. 31.5.2010 n. 125)
  • Risposta interpello Agenzia Entrate 11.10.2018 n. 32
  • Risposta interpello Agenzia Entrate 11.10.2018 n. 33
  • Il Quotidiano del Commercialista del 12.10.2018 – ”Rientro dei docenti agevolato se collegato all’inizio del lavoro in Italia” – Alberti P.
  • Il Sole – 24 Ore del 12.10.2018, p. 26 – ”Ricercatori senza detassazione se la residenza resta all’estero” – Longo
  • Il Sole – 24 Ore del 12.10.2018, p. 26 – ”Bonus impatriati ai laureati per due anni fuori dall’Italia” – Cancelliere – Ferlito
  • Il Quotidiano del Commercialista del 7.7.2018 – ”Per il regime degli impatriati, residenza fiscale all’estero nei due anni prima del rimpatrio” – Alberti P.
  • Il Quotidiano del Commercialista del 5.6.2017 – ”Ricerca e docenza agevolate se svolte per un biennio all’estero” – Alberti P.

Lascia un commento