Residenza fiscale, prevale l’iscrizione anagrafica

Qualora un soggetto si trasferisca all’estero, ma dimentichi di cancellarsi dall’Anagrafe della popolazione residente, continuerà a dover pagare le imposte sui redditi in Italia, in considerazione del fatto che il dato “anagrafico” è preclusivo di ogni altro accertamento di fatto.
Questo principio è stato affermato dalla Cassazione nella sentenza n. 21970 depositata il 28/10/2015.

In questo interessante articolo di Anita Mauro, tratto da Eutekne.info di oggi, alcuni approfondimenti e spunti di riflessione.

 

Lascia un commento