Regime degli impatriati – Opzione tardiva – Profili critici

In sede interpretativa, l’Agenzia delle Entrate ha negato la possibilità di recuperare l’agevolazione relativa agli impatriati (art. 16 del D.lgs. 147/2015) nell’ipotesi di mancata fruizione in via ordinaria.
Ad avviso dell’Autore, tale orientamento restrittivo non pare condivisibile in quanto:
– l’agevolazione non rappresenta un regime fiscale “opzionale”, bensì una particolare regola di determinazione dell’imponibile IRPEF;
– la posizione espressa in sede interpretativa non ha potere vincolante;
– determina un’ingiustificata disparità di trattamento rispetto ai lavoratori c.d. contro-esodati (con riferimento ai quali era ammessa la possibilità di presentare la dichiarazione integrativa).

Fonti e riferimenti:

– art. 16 D.lgs. 14.9.2015 n. 147

– Il Sole – 24 Ore del 28.11.2022, p. 22 – ”Impatriati, il Fisco dice no alla scelta dei ritardatari” – Nessi