Quadro RW anno 2016: comunicazioni ai contribuenti

Dopo aver inviato ai contribuenti migliaia di lettere di compliance, l’Agenzia delle Entrate sta procedendo ora all’invio di questionari e inviti ex art. 32 del DPR 600/73 in relazione alle attività finanziarie e patrimoniali possedute all’estero.
Tale procedura deriva dall’analisi dei dati ricevuti da parte delle Amministrazioni fiscali estere nell’ambito dello scambio automatico di informazioni secondo il Common Reporting Standard (CRS).
In particolare, gli Autori degli articoli citati osservano che tali questionari si riferiscono a specifiche liste di lavorazione contenenti soggetti che, sulla base delle informazioni ricevute dalle autorità estere, non avrebbero dichiarato in tutto o in parte alcuni redditi. Non si tratta solo di conti correnti o di plusvalenze finanziarie, ma anche di redditi da lavoro dipendente che, sulla base della residenza fiscale del soggetto, avrebbero dovuto essere riportati nella dichiarazione dei redditi.
In simili casi, il suggerimento è comunque di fornire all’Agenzia delle Entrate le informazioni che giustifichino la mancata compilazione del quadro RW e dei quadri reddituali: infatti, l’eventuale mancato riscontro o il riscontro parziale a seguito dell’invio di un invito o questionario ex art. 32 del DPR 600/73 comporta per il contribuente il divieto di utilizzazione in sede amministrativa e processuale delle notizie e dei dati non addotti.

Fonti e riferimenti:

  • art. 32 DPR 29.9.1973 n. 600 (S.O. n. 1 G.U. 16.10.1973 n. 268)
  • Provvedimento Agenzia Entrate 21.12.2017 n. 299737
  • Italia Oggi del 11.4.2018, p. 27 – ”Questionari sui redditi esteri” – Stroppa – Bartelli
  • Italia Oggi del 11.4.2018, p. 27 – ”Risposte da valutare” – Infranca – Favaloro

Lascia un commento