Patent Box – Dubbi applicativi

Secondo alcune indiscrezioni, entro fine marzo l’Agenzia delle Entrate dovrebbe emanare una nuova circolare (si dice congiunta MEF e MISE) per risolvere gli aspetti più controversi del Patent box, per cui si avvicina la scadenza del 30.4.2016 entro la quale integrare le istanze di ruling inviate entro il 31.12.2015.

Tra le numerose questioni ancora irrisolte, sui quotidiani fiscali di oggi si segnalano:

  •  in merito al rimpatrio degli intangibles agevolabili, si potrebbe arrivare a una soluzione interpretativa che consenta di neutralizzare il costo di acquisizione nelle operazioni straordinarie e i trasferimenti di sede;
  • con riferimento al “tracking and tracing“, uno spiraglio potrebbe aprirsi a beneficio di chi ha effettuato la tracciatura dei costi di ricerca anche per il passato, consentendo il calcolo analitico e non per masse. Questo consentirebbe di calcolare il bonus su ogni singolo bene “tracciato” e di aumentare la leva della detassazione qualora ne derivasse un effetto più conveniente rispetto al calcolo su tutti gli intangibles agevolabili;
  • per i contribuenti che hanno presentato l’opzione ma che decidono di non proseguire, la preoccupazione è quella che un comportamento non concludente con la scelta espressa entro fine dello scorso anno possa compromettere l’accesso all’agevolazione anche in futuro.

Queste e molte altre incertezze fanno sorgere in taluni l’auspicio di un rinvio della scadenza del 30.4.2016 per l’integrazione delle istanze di ruling. In questo clima di incertezza, infatti, la circolare dell’Agenzia delle Entrate, anche qualora venisse emanata nelle prossime settimane, interverrebbe troppo a ridosso della scadenza e non garantirebbe ai contribuenti il tempo necessario per elaborare le indicazioni tecniche e, ove necessario, modificare le analisi funzionali ed economiche effettuate.

Personalmente ritengo però che l’ennesima “proroga“, anche su questo tema così come ormai avviene praticamente su ogni altro, di certo non sarebbe (o non sarà …) un buon modo per presentare il nostro sistema fiscale agli operatori interessati a questa agevolazione, soprattutto se non nazionali; e sarebbe l’ennesima dimostrazione che le cose prima si annunciano e solo poi si pensano e si strutturano.

Fonti:

  • art. 1 L. 23.12.2014 n. 190 (S.O. n. 99 G.U. 29.12.2014 n. 300)
  • DM Ministero dello Sviluppo economico 30.7.2015
  • Scheda n. 1147.01 in Agg. 12/2015 – Alberti – Cotto
  • Il Sole – 24 Ore del 15.3.2016, p. 1 – ”Le incertezze che mettono a rischio la competitività” – Simontacchi
  • Il Sole – 24 Ore del 15.3.2016, p. 39 – ”Patent box a caccia di convenienza” – Parente

Lascia un commento