Patent box: cumulabilità con altre agevolazioni

L’Agenzia delle Entrate, con la Circolare del 16.3.2016 n. 5, ha chiarito che il credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo ex art. 3 del DL 145/2013 deve ritenersi fruibile anche in presenza di altre misure di favore, salvo che le norme disciplinanti le altre misure non dispongano diversamente. Con particolare riferimento ai rapporti tra bonus R&S e Patent box, l’Agenzia ha precisato che le due misure rappresentano strumenti sinergici volti ad incentivare e ad agevolare l’attività di ricerca e sviluppo nelle diverse fasi di svolgimento delle stessa:

  1. il primo mediante l’attribuzione di un credito di imposta per l’attività di ricerca svolta,
  2. il secondo mediante la detassazione dei redditi derivanti dallo sfruttamento economico dei beni immateriali ottenuti dall’attività di ricerca, a condizione che l’impresa continui a svolgere attività di ricerca e sviluppo ai fini del mantenimento, dello sviluppo e dell’accrescimento degli stessi.

Viene quindi chiarito che i costi rilevanti ai fini dell’attribuzione del credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo rilevano per il loro intero importo anche ai fini della determinazione del reddito detassato nel regime di Patent box.

Fonti:

  • art. 9 DM Ministero dell’Economia e delle finanze 27.5.2015 (G.U. 29.7.2015 n. 174)
  • art. 3 DL 23.12.2013 n. 145 (G.U. 23.12.2013 n. 300)
  • Circolare Agenzia Entrate 16.3.2016 n. 5
  • Scheda n. 1137.01 in Agg. 8-9/2015 – Alberti
  • Il Quotidiano del Commercialista del 4.4.2016 – ”Bonus R&S cumulabile con il Patent box” – Alberti P.

Lascia un commento