On line la guida dell’Agenzia delle Entrate sui bonus per “impatriati” e nuovi residenti

E’ online da ieri, 22 marzo 2018, la nuova Guida dell’Agenzia delle Entrate “Gli incentivi fiscali per l’attrazione del capitale umano in Italia”.

La Guida è aggiornata a febbraio 2018 e spiega i presupposti e le modalità per accedere ai diversi benefici fiscali concessi alle persone che trasferiscono la residenza fiscale in Italia: docenti e ricercatori, lavoratori “impatriati” e nuovi residenti.

Il documento si sviluppa in sei capitoli e illustra dettagliatamente:

  1. in che modo verificare il requisito della residenza;
  2. chi siano i lavoratori interessati dai benefici;
  3. quali siano i vantaggi fiscali;
  4. chi può effettivamente usufruirne,
  5. in che modo si acceda agli incentivi.

Come ipotizzato da parte della dottrina (per onestà intellettuale, anche chi sposava la tesi contrapposta avrebbe dovuto tenere conto che da sempre l’Agenzia era stata del medesimo parere, pur in relazione ad una peculiarità tutta italica), il vademecum conferma il valore sostanziale dell’iscrizione all’AIRE: infatti, l’estensore del documento, in un apposito riguardo ben evidenziato, afferma che “La persona che, pur essendo residente o domiciliata all’estero, non si è mai cancellata dal registro anagrafico della popolazione residente non può essere ammessa alle agevolazioni“.

Nel testo si trovano approfondimenti che riguardano in particolare:

  • i docenti e i ricercatori che decidono di trasferire la propria residenza fiscale in Italia;
  • i lavoratori che trasferiscono la residenza nel territorio italiano (c.d. “impatriati“);
  • i c.d. high-net-worth individuals.

Qui il documento completo in PDF.

Fonti e riferimenti:

  • Il Quotidiano del Commercialista del 23.3.2018 – ”On line la guida dell’Agenzia delle Entrate sui bonus per impatriati e nuovi residenti” – Redazione
  • Il Sole – 24 Ore del 23.3.2018, p. 23 – ”Per i Paperoni opzione-forfait anche in dichiarazione” – Cimino – Buschini

Lascia un commento