Nuovo Regolamento (UE) 27.4.2016 n. 679 – Indicazioni operative (documento CNDCEC e FNC aprile 2018)

Con il documento “Il regolamento Ue/2016/679 General Data Protection Regulation (GDPR): nuove regole comunitarie e precisazioni in materia di protezione dei dati personali”, CNDCEC e FNC hanno analizzato le principali novità della nuova normativa europea, che troverà applicazione dal prossimo 25-5-2018, con particolare riguardo ai riflessi operativi per gli studi professionali.
Al documento è stata allegata anche una check list di base da utilizzare per la valutazione del livello di adeguamento.
Nello specifico, con riferimento ai fascicoli di studio, il documento precisa che non occorre utilizzare numeri identificativi per i propri clienti (al posto del nome), quanto piuttosto adottare opportune modalità per l’accesso ai soggetti autorizzati al trattamento nei casi e per le finalità previsti.
Circa il Responsabile della protezione dei dati personali (RPD), il documento segnala che la nomina, pur non essendo obbligatoria per i trattamenti effettuati dai liberi professionisti operanti in forma individuale, alla luce del principio di accountability, potrebbe essere opportuna. Viene “suggerita” almeno l’indicazione di un Referente GDPR, al fine, fra l’altro, di consentire un migliore e agevole esercizio dei diritti degli interessati.
Infine il documento raccomanda l’adozione del registro dei trattamenti, anche se non è obbligatorio per gli studi professionali.

Fonti e riferimenti:

  • Regolamento (UE) 27.4.2016 n. 679
  • Documento CNDCEC-FNC aprile 2018
  • Il Quotidiano del Commercialista del 28.4.2018 – ”Dal CNDCEC le indicazioni operative sul GDPR” – Vitale R.
  • Il Sole – 24 Ore del 28.4.2018, p. 15 – ”Privacy, check list per gli studi” – Cherchi
  • Italia Oggi del 28.4.2018, p. 30 – ”Una check list per la privacy” – Damiani

Lascia un commento