Nuovo obbligo di domiciliazione fiscale in Svizzera per aziende estere

Dal 1° gennaio 2018 cambieranno le norme in tema di assoggettamento all’IVA svizzera per le imprese straniere.

Infatti, da quella data, le imprese con sede all’estero, che realizzino un fatturato annuo mondiale (quindi non solo in Svizzera) di almeno CHF 100’000, saranno assoggettate all’IVA a partire dal primo CHF di fatturato realizzato in territorio elvetico e nel Principato del Liechtenstein.

Le imprese estere che, superando tale limite, svolgano attività in territorio svizzero e si trovino dunque assoggettate all’IVA svizzera, sono obbligate a nominare un rappresentante fiscale domiciliato in Svizzera, presso il quale sia garantito il domicilio fiscale per tutti gli adempimenti inerenti l’imposta sul valore aggiunto. Si ricorda che il rappresentante fiscale può essere una persona fisica o giuridica con domicilio o sede in Svizzera.

Lascia un commento