Nuovo accordo Italia – Monaco: effetti

Ai sensi dell’art. 12 della Convenzione Italia-Monaco, nei casi di doppia residenza delle persone fisiche, la persona si considera residente, nell’ordine:

  • nel Paese in cui dispone di un’abitazione permanente;
  • nel Paese nel quale le sue relazioni personali ed economiche sono più strette (“centro degli interessi vitali”);
  • nel Paese in cui soggiorna abitualmente;
  • nel Paese del quale ha la nazionalità.

Tali norme, coerenti con l’art. 4 del modello OCSE di Convenzioni contro le doppie imposizioni, dovrebbero risultare già applicabili con riferimento al periodo d’imposta 2017 (periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore dell’accordo tra i due Stati), non essendovi una disposizione che, come in molti altri casi, ne posticipa gli effetti al periodo d’imposta successivo.

Fonti e riferimenti:

  • Art. 2 DPR 22.12.1986 n. 917 (S.O. n. 1 G.U. 31.12.1986 n. 302)
  • Il Quotidiano del Commercialista del 21.8.2017 – ”I trasferimenti di residenza a Monaco seguono la nuova Convenzione” – Forte A. – Odetto G.

Lascia un commento