Neo domiciliati: check list

Il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 47060 del 8.3.2017 ha approvato il modello di check list (con le relative istruzioni) da allegare all’interpello facoltativo da presentare per accedere al regime dei “neo domiciliati” di cui all’art. 24-bis del TUIR.

Dall’analisi del Modello si verifica che:

  • la Sezione 1 prevede l’indicazione dei dati anagrafici;
  • la Sezione 2 contiene l’indicazione dei dati generali relativi alla cittadinanza e alla residenza attuale e pregressa nonché le giurisdizioni che si intende escludere dall’esercizio dell’opzione;
  • la Sezione 3 è dedicata all’attestazione del presupposto dell’assenza di residenza fiscale nel territorio dello Stato italiano nei 9 periodi di imposta dei 10 precedenti l’inizio del periodo di validità dell’opzione;
  • la Sezione 4, permette al contribuente di estendere l’opzione ai propri familiari di cui all’art. 433 c.c. (tale ultima Sezione deve essere presentata solo nel caso in cui il contribuente opti per l’estensione ai familiari degli effetti dell’opzione per il regime).

La check list consente al contribuente di verificare, in maniera graduata in funzione del diverso livello di collegamento che lo stesso ha con il territorio italiano, in che modo assolvere all’onere probatorio previsto nell’interpello. Infatti, la Sezione 3 individua 27 situazioni che consentono di valutare l’assenza del centro vitale di interessi in Italia sia con riferimento ai legami affettivi e personali (presenza di coniuge, figli o di altri legami stabili in Italia), sia con riferimento agli interessi economici (disponibilità di attività immobiliari in Italia o conseguimento di redditi in Italia, anche per interposta persona).

Si segnala che la mancata o incompleta compilazione della check list costituisce una delle cause di inammissibilità dell’interpello.

 

Fonti e riferimenti:

  • art. 24 bis DPR 22.12.1986 n. 917 (S.O. n. 1 G.U. 31.12.1986 n. 302);
  • Provvedimento Agenzia Entrate 8.3.2017 n. 47060;
  • Il Quotidiano del Commercialista del 9.3.2017 – “Onere della prova della residenza fiscale graduato in base alla check list” – Corso L.

Lascia un commento