Incentivi per il trasferimento di docenti e ricercatori – Proroga – Chiarimenti (circ. Agenzia delle Entrate 25.5.2022 n. 17)

La circ. Agenzia delle Entrate 25.5.2022 n. 17,  chiarisce, in merito all’opzione relativa al prolungamento del regime agevolato per docenti e ricercatori di cui all’art. 44 del DL 78/2010, che i requisiti per accedere al beneficio per gli ulteriori periodi devono essere posseduti “al momento dell’esercizio dell’opzione“.
La circolare in commento, inoltre, ammette l’esercizio dell’opzione anche per i soggetti rientrati nel 2016 e nel 2017, in ragione del fatto che gli stessi beneficiavano del regime di favore al 31.12.2019, a condizione che gli stessi soddisfino, all’atto dell’opzione (ovvero all’atto del versamento), i requisiti di legge previsti per il prolungamento in esame. Tuttavia, tenuto conto dell’entrata in vigore della norma relativa alla facoltà di estensione (art. 1 co. 763 della L. 234/2021), il predetto regime opera, ad avviso dell’Agenzia, “solo a decorrere dall’anno di imposta 2022”, computando gli ulteriori periodi dal periodo di imposta in cui è stata trasferita la residenza fiscale in Italia (ad esempio, un soggetto rientrato nel 2016 può esercitare l’opzione nel 2022 al fine di “riattivare” il beneficio dall’1.1.2022 e fino al 31.12.2023).

Fonti e riferimenti:

– art. 44 DL 31.5.2010 n. 78

– Circolare Agenzia Entrate 25.5.2022 n. 17

– Il Quotidiano del Commercialista del 26.5.2022 ”Regime agevolato anche per docenti e ricercatori rientrati nel 2016 e nel 2017”– Corso L.

– Il Sole – 24 Ore del 26.5.2022, p. 35 – ”Impatriati, bonus esteso se il figlio è minorenne alla data del versamento” – Longo A.

– Italia Oggi del 26.5.2022, p. 28 – ”Docenti e ricercatori, agevolazione condizionata ai figli” – Poggiani F.G.