Il Collegio sindacale non è il tutor del revisore legale

Le figure del revisore e del sindaco costituiscono organi distinti e autonomi, con distinte e autonome responsabilità, anche se spesso molti, clienti ma anche colleghi, se ne dimenticano.

Il sindaco – secondo la cultura giuridica italiana – viene, invece, considerato il “tutor” del revisore legale. Questa convinzione è sbagliata. I due soggetti, infatti:conseguono l’abilitazione professionale con distinti esami di Stato;sono iscritti in distinti registri professionali: il sindaco è iscritto nell’Albo tenuto dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, mentre il revisore legale è iscritto nel Registro dei revisori legali tenuto dal MEF; sono disciplinati da due distinte legislazioni: il sindaco dalla legislazione italiana inserita nel codice civile, mentre il revisore legale dalla legislazione europea recepita dal DLgs. 27 gennaio 2010 n. 39, con le modifiche apportate dal DLgs. 17 luglio 2016 n. 135, nonché dal regolamento Ue 16 aprile 2014 n. 537; il revisore legale è un organo esterno alla società, mentre il sindaco è un organo interno alla società stessa;le carte di lavoro sono di proprietà del revisore legale, mentre il libro delle adunanze del Collegio sindacale è un libro sociale“.

Questo un estratto di un interessante articolo su Eutekne.info di oggi a firma di Flavio Dezzani disponibile a questo link

 

Lascia un commento