Distretti industriali

I 147 distretti italiani, da soli, valgono l’80% dell’utile commerciale di tutta l’industria manifatturiera nazionale. I valori dell’export del 1°trimestre 2017 denunciano un valore totale di 24.116 milioni di euro, con un aumento pari a 1.455,7 milioni di euro (+6,4% sul corrispondente trimestre 2016). I cinque distretti che hanno segnato il maggior incremento del fatturato sono:

  • Pelletteria e calzature di Firenze: aumento di 119 milioni ( + 14,8%) per un totale di 930;
  • Metalli di Brescia: aumento di 104 milioni (+14,8%) per un totale di 808;
  • Meccanotronica del barese: aumento di 98 milioni (+36,4%) per un totale di 366;
  • Metalmeccanica di Lecco: aumento di 84 milioni (+15,3%) per un totale di 636;
  • Oreficeria di Valenza: aumento di 76 milioni (+24,7%) per un totale di 383.

I cinque Paesi destinatari dell’export che hanno fatto registrare il maggior incremento in valore sono:

  • Svizzera: aumento di 219 milioni (+17,7%) per un totale di 1.457;
  • Germania : aumento di 117,5 milioni (+3,7%) per un totale di 3.306;
  • Federazione russa: aumento di 111 milioni (+28,2%) per un totale di 506;
  • Spagna: aumento di 100 milioni (+10%) per un totale di 1091;
  • Francia: aumento di 96 milioni (+3,6%) per un totale di 2.746.

PS – Da rilevare anche la ripresa del mercato cinese. (+ 93 milioni pari al +18,6% per un totale di 595 ).

 

Fonte:

  • AGgazette, n. 220-2017

 

Lascia un commento