round silver and gold coins

Criptovalute: proposta di Regolamento UE

Il MEF, rispondendo a un’interrogazione presentata in Commissione Finanze, ha ribadito la propria posizione circa il trattamento fiscale delle criptovalute (art. 67.1 c-ter del TUIR, “redditi diversi”) e ha auspicato si giungano in breve tempo a definire, a livello internazionale, un inquadramento fiscale e giuridico uniformi e condivisi.

Nella risposta il Ministero ricorda che a livello internazionale ferve, oramai da tempo, un dibattito molto intenso sugli aspetti giuridici e fiscali delle criptovalute e su tutto ciò che ad esse è relativo (airdrops, blockchain, ITO, mining, staking, yeld-farming, NFT, etc.). Segnalo, a tal proposito, il corposo documento pubblicato il 12 ottobre 2020 dall’OECD, intitolato “Taxing Virtual Currencies – An Overview of Tax Treatments and Emerging Tax Policy Issues” (a questo link il testo integrale del documento) in cui vengono fatti anche ampi illustrazioni e confronti delle legislazioni e delle prassi adottate in diversi Stati del Mondo.

In tal senso, il Ministero segnala che, nell’autunno dello scorso anno, in ambito UE è stata presentata una proposta di Regolamento denominato “MicaMarket in crypto assets” finalizzata alla “elaborazione di un quadro giuridico solido e omogeneo in ambito Ue” e che ha, tra gli altri scopi, quello di «tutelare i cittadini e la stabilità del sistema finanziario“. Tale proposta è ora “oggetto di negoziato in sede di Consiglio Ue” e, qualora approvata, sarebbe automaticamente esecutiva all’interno dei singoli ordinamenti nazionali.

Lascia un commento