blue and gray concrete house with attic during twilight

Cessione di immobili situati all’estero – Tassazione delle plusvalenze (risposte interpello 20.1.2023 nn. 110 e 122)

La risposta a interpello n. 110/2023 ha ad oggetto la cessione, nel 2021, di un immobile situato in Italia e acquistato nel 2006, da parte di un residente in Spagna.
Secondo l’Agenzia, la plusvalenza realizzata a seguito della cessione di un immobile rientra nell’ambito applicativo dell’art. 13 (utili di capitale) della Convenzione Italia-Spagna, con conseguente tassazione concorrente di Italia e Spagna.
In Italia si applica l’art. 67 co. 1 lett. b) del TUIR per cui la plusvalenza non costituisce un reddito imponibile in Italia, in quanto la cessione a titolo oneroso dell’immobile è avvenuta oltre cinque anni dopo l’acquisto.
Il principio della tassazione concorrente opera anche nel diverso caso della cessione di un immobile situato nei Paesi Bassi da parte di una persona residente in Italia, esaminato nella risposta n. 122/2023; l’esenzione prevista dall’art. 67 co. 1 lett. b) del TUIR riguarda anche le plusvalenze derivanti dalla vendita di beni immobili situati all’estero posseduti da oltre 5 anni.

Fonti e riferimenti:

– art. 67 DPR 22.12.1986 n. 917

– Risposta interpello Agenzia Entrate 20.1.2023 n. 122

– Risposta interpello Agenzia Entrate 20.1.2023 n. 110

– Convenzione contro le doppie imposizioni Italia-Spagna

– Il Quotidiano del Commercialista del 21.1.2023 – ”Tassazione concorrente per cessione di immobile situato in uno Stato diverso da quello di residenza” – Redazione