ripple etehereum and bitcoin and micro sdhc card

Autoriciclaggio – Moneta virtuale – Attività speculative – Rilevanza (Cass. pen. 13.7.2022 n. 27023)

La Corte di Cassazione – sentenza 13.7.2022 n. 27023 – conferma la possibilità che il reato di autoriciclaggio (art. 648-ter.1 c.p.) sia integrato attraverso l’acquisto di moneta virtuale.
I giudici di legittimità evidenziano come la configurazione del sistema di acquisto di bitcoin si presti ad agevolare condotte illecite, potendo garantire un alto grado di anonimato. D’altra parte, l’indicazione normativa dell’art. 648-ter.1 c.p. riguardante le attività (economiche, finanziarie, imprenditoriali e speculative) in cui il profitto illecito può essere impiegato o trasferito, lungi dal rappresentare un elenco formale delle attività suddette, appare piuttosto diretta ad individuare delle macro aree, tutte accomunate dalla caratteristica dall’ostacolo al riconoscimento della provenienza delittuosa (Cass. n. 13795/2019).

Fonti e riferimenti:

– art. 648 ter1 RD 19.10.1930 n. 1398

– Cass. pen. 13.7.2022 n. 27023

– Il Quotidiano del Commercialista del 14.7.2022 – ”Alto rischio di autoriciclaggio con le monete virtuali” – Artusi M. F.

– Il Sole – 24 Ore del 14.7.2022, p. 29 – ”Le criptovalute favoriscono l’autoriciclaggio” – Negri G.