Approvazione definitiva “decreto semplificazioni”

La Camera ha approvato in via definitiva il Ddl. di conversione del DL 135/2018 (c.d. “decreto semplificazione”).
Queste le principali misure contenute:
– il ripristino dell’IRES al 12% per gli enti no profit fino al periodo di imposta di prima applicazione delle nuove misure agevolative che saranno individuate con successivi provvedimenti legislativi;
– l’inclusione delle c.d. “ex IPAB” tra gli enti del Terzo settore;
– l’estensione della c.d. rottamazione-ter ex art. 3 del DL 119/2018 ai soggetti che non hanno provveduto a versare integralmente le rate dovute per la precedente definizione 2017 entro il 7.12.2018, i quali vi possono rientrare versando le somme dovute in un’unica soluzione entro il 31.7.2019, ovvero nel numero massimo di dieci rate consecutive;
– l’accesso al regime forfetario per gli autonomi (L. 190/2014) da parte delle persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro, attuali o precedenti, ove si tratti di attività di nuova iscrizione a un ordine o a un collegio professionale;
– il divieto di emettere fattura elettronica per le prestazioni sanitarie che sono effettuate, nei confronti di persone fisiche, da parte di soggetti non tenuti all’invio dei dati al Sistema Tessera sanitaria;
– la regolamentazione ai fini IVA delle vendite a distanza di determinati prodotti elettronici.

Non sono state invece recepite le modifiche di cui alla proposta di Legge A.C. 1074, in relazione alle disposizioni dell’art. 16 del D.lgs. 147/2015, in merito alle quali, peraltro, è in discussione un apposito disegno di legge che mira a definire – in un testo normativo unitario – l’intera materia dell’attrazione del capitale umano nel nostro Paese.

Fonti e riferimenti:

  • l Quotidiano del Commercialista del 8.2.2019 – ”Via libera definitivo della Camera, il decreto semplificazioni è legge”   

Lascia un commento